Please assign a menu to the primary menu location under MENU

Tasse su Affitto

Come registrare un contratto in comodato per accedere al nuovo sconto Imu e Tasi sulle seconde case

sconto seconde case
94views

Di recente è stata approvata una importante ipotesi per il 2016 di annullamento di Imu e Tasi sulle seconde case, se presente un comodato d’uso gratuito verso parenti entro il primo grado come genitori e figli. Tale ipotesi, è stata poi trasformata in sconto del 50% su Imu e Tasi, laddove si provveda ad eseguire la registrazione del contratto entro il termine del primo marzo 2016.

Vuoi conoscere le modalità per accedere al nuovo sconto Imu e Tasi del 50% sulle seconde case? O di come procedere alla registrazione di un contratto di comodato d’uso gratuito e accedere alla agevolazione già a partire dal 2016? Segui il nuovo aggiornamento del blog. Gromia.

Sconto Imu e Tasi sulle seconde case, ecco dei primi requisiti per accedervi

L’iniziale idea di Imu e Tasi annullate per la seconda casa nelle nuove ipotesi del 2016, era di fornire un minor carico fiscale verso più case possedute all’interno di uno stesso nucleo familiare e in particolare utilizzate da parenti entro il primo grado come genitori e figli. In questi casi, infatti, solo una casa può essere considerata come abitazione principale e dare luogo alla classica esenzione Imu e Tasi, mentre l’altra casa è considerata come seconda e con un maggiore carico sul fronte delle tassazioni da pagare.

Tuttavia, se una prima idea, era di prevedere la totale esenzione di Imu e Tasi sulle seconde case, successivamente sono state apportate alcune modifiche e l’approvazione di una parziale esenzione da tali tassazioni. In pratica, laddove si dimostri che una prima casa è adibita ad abitazione principale e una seconda casa utilizzata da parenti entro il primo grado, e entrambe le case siano presenti in uno stesso comune, sarà possibile presentare domanda per l’applicazione di uno sconto pari al 50% per Imu e Tasi.

In cosa consiste il comodato d’uso gratuito e che caratteristiche per il nuovo sconto Imu e Tasi del 50%

Per accedere al nuovo sconto del 50% su Imu e Tasi, è inoltre necessaria l’attivazione di un contratto di comodato d’uso gratuito e la registrazione del relativo contratto entro il termine del primo Marzo 2016 (laddove si desideri applicare lo sconto già a partire da quest’anno). Tale contratto, inoltre, non trasferisce la proprietà della casa, ma ne permette formalmente l’utilizzo gratuito da parte di un terzo per un periodo di tempo prestabilito, obblighi di cura e tutela della stessa.

sconto seconde case

E’ una tipologia contrattuale, presente da tempo nel nostro ordinamento e utilizzata nella maggior parte dei casi, proprio dagli stessi parenti con un accordo stabilito verbalmente (non vi è infatti l’obbligo della formula scritta, ma è consigliabile per stabilirne con maggiore efficacia termini e usi di un bene immobile). Nel caso poi della nuova legge di stabilità, è stata ulteriormente valorizzata, permettendo alle tante famiglie italiane in possesso di più immobili ceduti a titolo gratuito verso parenti, di non dover anche pagare delle maggiori tasse al riguardo.

Registrazione data del contratto di comodato per l’esenzione Imu e Tasi già per l’anno in corso

Ma attenzione, per accedere al nuovo sconto Imu e Tasi per le seconde case è necessario rispettare alcune importanti condizioni sulla fase di registrazione del contratto e di prestare attenzione al fattore temporale in essere. Laddove la registrazione, infatti, sia eseguita entro il primo Marzo 2016, si avrà già la possibilità di accedere a tale sconto per l’anno in corso, mentre per date successive al mese di Marzo 2016, si rientra sempre nelle ipotesi di sconto di Imu e Tasi al 50%, ma con riferimento agli anni successivi.

Se invece un parente entro il primo grado è già ad oggi presente in una formula di comodato d’uso gratuito nella sola formula non scritta, è necessario procedere alla immediata registrazione, in modo da non perdere il proprio diritto alla sconto Imu e Tasi 2016. Del resto la fase di registrazione è molto semplice e richiede di:

  • Procedere ad un versamento tramite modello F23 di una imposta di registro di 200 euro.
  • Provvedere alla  compilazione del modello 69 per la registrazione dei contratti di comodato d’uso gratuito presso l’Agenzia delle Entrate.
  • Realizzare due copie del contratto di comodato d’uso gratuito e apporvi una marca da bollo da 16 euro. Sarà infatti tale data a decretare l’inizio effettivo del comodato e se è possibile applicare l’esenzione già per il 2016, di Imu e Tasi per la seconda casa di uno stesso nucleo familiare.

Conclusione

  • Se una prima casa è adibita ad abitazione principale e una seconda casa utilizzata da parenti entro il primo grado, è possibile presentare domanda per l’applicazione di uno sconto pari al 50% per Imu e Tasi. Ma attenzione tale sconto è valido solo se le case sono entrambe presenti in uno stesso Comune.
  • Laddove si proceda ad un’attivazione di un contratto di comodato d’uso gratuito e relativa registrazione entro il primo Marzo 2016, sarà possibile richiedere anche per l’anno in corso lo sconto di Imu e Tasi. Mentre per le registrazioni successive lo sconto potrebbe essere applicato solo a partire dagli anni successivi.
  • Se un parente entro il primo grado è già ad oggi presente in una formula di comodato d’uso gratuito nella formula non scritta e presenta i requisiti per accedere al nuovo sconto di Imu e Tasi, può presentare richiesta per la registrazione del contratto per rientrare in tale casistica.
  • La registrazione di un contratto di comodato d’uso gratuito è molto semplice e richiede il pagamento di una imposta di registro di 200 euro, registrazione del contratto con il modello 69 all’Agenzia delle Entrate e di due copie con marca da bollo in cui indicare i termini del comodato e la data di inizio dello stesso.

E te cosa ne pensi della nuova formula del comodato d’uso gratuito e dello sconto Imu e Tasi sulle seconde case? Rientri in tali casi e vuoi essere aggiornato su eventuali e nuove novità in materia? Continua a seguire la sezione normative del blog.Gromia.

Leave a Response

Iolanda Piccirillo
Sono una articolista con una forte passione per il mondo dell' economia, del web marketing e di tutto ciò che riguarda la cara e vecchia casa. Napoletana, classe 1985, in blog gromia per dare la sua voce e svelare news e curiosità sul mondo immobiliare.