Please assign a menu to the primary menu location under MENU

Inquilini

La gestione del bagno in casa come metafora sociologica e politica

il bagno okkupato dei the pills
322views

Un mio amico, 4 anni fa, mi disse: “Ma tu li conosci i The Pills?”

No, non li conoscevo. Ma me ne innamorai subito. Ora sono diventati famosi, stanno facendo anche la tv (con lo Zio Gianni su Rai2).

Geniali e cinici, qualche mese fa hanno realizzato Il Bagno Okkupato, una sagace metafora della politica italiana, fatta di sotterfugi, mazzette e pseudo-ideali. Il tutto attraverso la gestione del bagno in casa fra coinquilini, dove molte volte manca il senso civico e il rispetto reciproco.

Probabilmente molti di voi avranno avuto problemi ad organizzare il calendario delle pulizie del bagno e si saranno scontrati con coinquilini poco collaborativi che non lo puliscono dopo “aver fatto la sangria nel bidet” [cit.].

Guarda qui se conosci i 7 tipi di coinquiline o di coinquilini da evitare.

Questo video è per tutti coloro che ne hanno viste di ogni, che si sono dovuti ascoltare scuse su scuse o filippiche tanto arzigogolate quanto inutili ma che, probabilmente, non hanno mai scovato il messaggio politico e la metafora socio-politica italiana: il bagno con spese condivise, poi quello elitario chic, poi la rivolta popolare (con Elio Germano).

Così, da ora in poi, vedrete il vostro coinquilino con occhi diversi.

Soggetto di

  • Luca Vecchi
  • Luigi Di Capua
  • Matteo Corradini
  • Luca Ravenna

Scritto da
Luigi Di Capua

Regia
Luca Vecchi

  • Cast artistico
  • Mattia Coluccia
  • Angela Favella
  • Luca Vecchi
  • Luigi Di Capua
  • Matteo Corradini

Con la speciale partecipazione di Elio Germano

2 Comments

Leave a Response

Alessandro Bogliari
Poliedrico ed eclettico, fonda nel 2011 Milanoize.com, sito di informazione giovanile per vivere Milano in modo alternativo. Nel 2013 crea Networkdisuccesso.com, dove condivide le proprie strategie di web marketing. Ora si occupa del marketing digitale di Gromia. Ascolta le interpretazioni di Maurizio Pollini e la dubstep del panorama inglese. Ama le pale d'altare del 1300 e l'arte contemporanea che suscita sempre perplessità agli occhi dei più. Odia i musical, i luoghi comuni e i profili Facebook di coppia.